Prostatite negli uomini

prostata sana e prostatite

La prostatite negli uomini appartiene al gruppo delle patologie andrologiche (esclusivamente maschili), urogenitali. La malattia si manifesta sotto forma di infiammazione acuta o cronica. Questa è la malattia urologica più comune oggi. In precedenza, si credeva che si manifestasse solo all'età di 45-65 anni, ora sempre più spesso i medici diagnosticano la "prostatite" nei giovani di età compresa tra 20 e 30 anni. La malattia è diventata molto più giovane.

La natura della lesione prostatica dipende dall'abitudine sessuale della persona.

  1. La sconfitta della ghiandola prostatica nei ragazzi, prima della pubertà, in teoria può essere, ma l'infiammazione della ghiandola non sviluppata non è considerata una malattia indipendente.
  2. Negli uomini sessualmente attivi, la prostatite spesso si manifesta come un'infiammazione acuta.
  3. La patologia della ghiandola, nelle persone di età matura e vecchia, può manifestarsi sotto forma di tre malattie indipendenti (prostatite cronica, adenoma - iperplasia benigna, adenocarcinoma - iperplasia maligna).
  4. Nelle persone sottoposte a castrazione (chimica, fisica, radiazioni), la ghiandola è atrofizzata.

La ghiandola prostatica (prostata) è la ghiandola accessoria dell'area genitale maschile. Si trova all'incrocio tra l'uretra e i dotti eiaculatori. Il significato della ghiandola prima della pubertà è scarsamente compreso. In un uomo maturo, la ghiandola prostatica:

  • produce una secrezione che diluisce lo sperma, assicura la vitalità dello sperma nel tratto genitale di una donna;
  • produce prostaglandine, sostanze che favoriscono un aumento dell'afflusso di sangue al pene prima dell'inizio dell'erezione, insieme ai testicoli, partecipa alla produzione dell'ormone testosterone;
  • fornisce una rapida evacuazione (rilascio) dello sperma dall'uretra e partecipa alla formazione dell'orgasmo;
  • per mezzo di meccanismi riflessi impedisce all'urina di entrare nello sperma durante l'eccitazione sessuale, partecipa al complesso meccanismo dell'erezione.

La prostata è un organo vulnerabile per agenti patogeni. È inevitabilmente coinvolto nella patologia delle pareti dell'uretra, della vescica, dei dotti deferenti. Una potente corrente di sangue, linfa, che circola attraverso il sistema vascolare ramificato della ghiandola danneggiata, provoca fenomeni di ristagno, edema dell'organo, aggrava la patologia. La ghiandola è ben innervata, il danno è accompagnato da dolore.

Cosa dovrebbero sapere gli uomini sulla prostatite

La prostatite è una malattia infiammatoria della ghiandola prostatica (prostata), il più delle volte causata da un agente infettivo che entra nella prostata dall'uretra stessa, dalla vescica e dal retto adiacente. Tuttavia, un'infezione di per sé non significa lo sviluppo di una malattia, per questo, come si suol dire, è necessaria "una combinazione favorevole di circostanze".

Quali sono i fattori che predispongono all'insorgenza della prostatite:

  1. Lavoro sedentario prolungato e stile di vita sedentario. Il gruppo di rischio comprende conducenti, programmatori e tutti coloro che trascorrono la giornata lavorativa senza alzarsi da una sedia per camminare e riscaldarsi.
  2. Disturbi regolari delle feci sotto forma di costipazione.
  3. Ipotermia grave o ripetuta dell'intero organismo.
  4. Vita sessuale eccessivamente attiva o astinenza prolungata. Entrambi non sono affatto utili per il normale funzionamento della ghiandola prostatica.
  5. Mangiare troppo, cibi piccanti e abuso di alcol, stress costante.

La prostata è un organo molto piccolo lungo 3 cm e largo 4 cm e pesa solo 20-25 grammi. Tuttavia, il segreto della prostata ha proprietà battericide, quindi il processo infiammatorio nella ghiandola può svilupparsi solo in presenza di ristagno in questo organo, quando il suo segreto perde le sue proprietà.

Come si manifesta la prostatite negli uomini

Si distinguono forme croniche e acute di prostatite:

  • I sintomi della prostatite acuta sono caratterizzati da una grave infiammazione nell'area della prostata. In questo caso, il paziente ha una forte febbre (la temperatura corporea sale a 38-39 gradi), dolore all'inguine e al perineo, minzione dolorosa e movimenti intestinali.
  • La prostatite cronica preoccupa meno un uomo, quindi potrebbe non prestare immediatamente attenzione ai sintomi caratteristici della malattia. La temperatura corporea del paziente sale occasionalmente a 37 gradi, a volte è disturbato da sensazioni spiacevoli quando va in bagno, un po 'di muco o pus viene rilasciato dall'uretra. Tale scarica è uno dei segni tipici della prostatite cronica.

Segni di prostatite negli uomini

Ci sono sei segni (precursori) di prostatite - sindrome da disuria. L'uso come marker clinici è condizionato. Tuttavia, la presenza di due dei sei sintomi è un motivo per consultare un urologo.

  1. Il flusso di urina cade lentamente verso il basso o la sua portata è inferiore a 20 cm.
  2. Difficoltà a urinare, goccia a goccia.
  3. Dolore durante la minzione.
  4. Intermittenza, scissione, schizzi del getto, durata del processo.
  5. Sensazione di non svuotare completamente la vescica.
  6. Minzione frequente di notte.

È severamente vietato trarre conclusioni cliniche quando vengono rilevati questi segni. La prostatite ha una patogenesi complessa, con l'inclusione di vari meccanismi in essa. È impossibile trattare la malattia, concentrandosi sui sintomi clinici generali. Contattare un urologo per determinare i sintomi, la natura del danno, lo stadio della malattia, la nomina del trattamento. La diagnostica e il trattamento vengono effettuati tenendo conto degli organi e dei sistemi coinvolti nella patogenesi. In alcuni casi, è necessario consultare un venereologo, chirurgo, oncologo.

Sintomi di prostatite negli uomini

La prostatite può manifestarsi sotto forma di infiammazione acuta e cronica. Le forme acute si sviluppano come infiammazione catarrale, follicolare, parenchimale. Le manifestazioni della prostatite cronica sono associate a una malattia concomitante.

Sintomi di prostatite rilevati con metodi clinici e test funzionali. I seguenti sintomi sono di massima importanza per riconoscere la natura della patologia, le cause ei meccanismi delle reazioni di difesa dell'organismo.

  • Minzione frequente con prostatite.In una persona sana, il numero massimo di impulsi a urinare non supera le 10-12 volte al giorno, di solito 4-5 volte. Il volume giornaliero di urina in un adulto sano è di 1000-2000 ml. Il volume di urina, al quale si manifesta l'impulso, è di 120-170 ml, l'accumulo di urina oltre i 350 ml provoca un forte desiderio di svuotare la vescica. I prodotti dell'infiammazione della prostatite irritano costantemente i recettori delle pareti degli organi urinari, provocando la minzione:
    • Minzione frequente (pollachiuria), mentre il volume giornaliero di urina non è aumentato;
    • Minzione in piccole porzioni, i prodotti dell'infiammazione inviano falsi segnali ai recettori sul riempimento di una vescica semivuota, dopo lo svuotamento rimane la sensazione della sua pienezza;
    • Minzione dolorosa (stranguria) dovuta al restringimento dell'uretra da parte di una prostata infiammata;
    • Difficoltà a urinare a causa della compressione dell'uretra da parte della ghiandola infiammata, a volte la prostatite è accompagnata dall'incapacità di svuotare la vescica (ischuria);
    • La minzione notturna (nicturia), le pareti della vescica irritate danno un segnale costante per la produzione di urina.
    • Temperatura con prostatite.Caratterizzato da un aumento della temperatura corporea a valori subfebrilari e febbrili. L'alta temperatura accompagna la prostatite purulenta nelle prime fasi dello shock settico. Nella fase avanzata dello shock settico, al contrario, una bassa temperatura (ipotermia) è caratteristica di 35-36 ° C. La bassa temperatura è pericolosa per l'uomo a causa della tendenza delle piastrine del sangue alla coagulazione intravascolare disseminata (sindrome DIC). La prognosi della prostatite complicata dalla sepsi in presenza di sindrome da coagulazione intravascolare disseminata è cauta o sfavorevole.
    • Sangue nelle urine con prostatite.Il sintomo dell'ematuria (sangue nelle urine) è un sintomo raro ma molto pericoloso. Il sanguinamento persistente è difficile da fermare. Ci sono diverse cause di ematuria nella prostatite, tra cui:
      • fusione purulenta della ghiandola con una porzione di un vaso sanguigno e perforazione del vaso nell'uretra;
      • trauma accidentale durante gli esami strumentali degli organi genito-urinari;
      • prostatite complicata da iperplasia, più spesso di forma maligna.
      • Sindrome del dolore.La prostatite complicata è accompagnata da dolore al di fuori della minzione. A volte il dolore si manifesta in modo intermittente, come durante un movimento intestinale. La causa del dolore è la costante irritazione della ghiandola da parte dei prodotti dell'infiammazione. Si nota spesso un dolore sordo (doloroso) nel perineo e nell'ano.

      Test di laboratorio che confermano i sintomi della prostatite. Sono usati per chiarire la presenza di infiammazione, per determinare la gravità del processo infiammatorio e settico.

      • Emocromo completo. Gli indicatori che confermano la prostatite sono: un aumento del numero di leucociti, uno spostamento del leucogramma verso un aumento del numero di cellule pugnalate, un aumento della VES.
      • Analisi delle urine. Rivela piuria latente (pus nelle urine) e batteriuria (contaminazione batterica) nella prima porzione di urina. Usa il metodo a tre vetri per rilevare pus e batteri latenti all'inizio, a metà o alla fine della minzione. Ripetuto, con una frequenza di diversi giorni, viene effettuato un esame batteriologico delle urine al fine di determinare il cambiamento nelle specie della flora batterica.
      • Serbatoio per la semina del sangue. Il metodo è indicato per i sintomi di sepsi progressiva accompagnata da febbre debilitante (frenetica).
      • Lo studio del legame cellulare dell'immunità nella prostatite completa la comprensione della natura della patogenesi, per prevedere la probabilità di sviluppare la sepsi

      Metodi strumentali utilizzati per chiarire i sintomi della prostatite. I seguenti metodi hanno valore diagnostico.

      • Metodo ecografico transrettale (attraverso il retto) (TRUS). Il suo valore diagnostico alto è annotato. Il metodo ha controindicazioni associate al divieto del massaggio della ghiandola, in alcune fasi della malattia.
      • Raggi X dalla vescica. Scegli le proiezioni che sono convenienti per esaminare la prostata. Prima della radiografia, l'urografin viene iniettata nella vescica, una sostanza radiopaca inerte per il corpo.
      • Le biopsie da puntura della prostata hanno indicazioni strettamente limitate per la prostatite.

      Cause di prostatite negli uomini

      Esistono diversi gruppi di cause di prostatite, tra cui:

      1. Complicazione di malattie passate di un uomo (infezioni da PPP, infiammazione da raffreddore degli organi pelvici, complicate da stafilococchi e altre infezioni batteriche, agenti virali e fungini, specialmente sullo sfondo di ridotta immunità e resistenza generale del corpo), cronica infezioni ginecologiche in una donna che è un partner sessuale.
      2. Reflusso uretrale. La violazione della capacità della prostata di impedire all'urina di rifluire nei dotti riproduttivi è chiamata reflusso uretrale. Il risultato è la semina batterica della prostata. Il reflusso uretrale è una conseguenza di un cateterismo improprio e di una precedente infiammazione dell'uretra. In questo caso, si verifica l'uretrorragia: un aumento patologico del lume dell'uretra. Reflusso uretrale - vescicoloseminale, la semina batterica è combinata con la formazione di calcoli (calcoli) nella prostata e nei dotti eiaculatori.
      3. Violazione del ritmo dell'attività sessuale, inclusi mancanza o eccesso di sesso, regolare ritardo nell'eiaculazione.
      4. Il ristagno del sangue venoso negli organi urogenitali della piccola pelvi degli uomini è una conseguenza di uno stile di vita sedentario (emorroidi, disturbi sessuali, altri motivi);
      5. Squilibrio ormonale associato a una produzione insufficiente di ormoni maschili da parte delle ghiandole sessuali, con conseguente indebolimento generale del tono della muscolatura scheletrica e liscia, ridotta funzione erettile e altri disturbi.

      Classificazione della prostatite

      Distinguere tra prostatite batterica e non batterica:

      1. La prostatite batterica è causata da microrganismi patogeni che entrano nella ghiandola prostatica dall'esterno. Questi includono streptococchi, stafilococchi, Escherichia coli, Proteus e altri. Molti batteri sono la normale flora del nostro corpo, ma in determinate condizioni entrano nella prostata e causano infiammazioni. La prostatite può anche svilupparsi a seguito di malattie a trasmissione sessuale come clamidia, ureaplasmosi, gardnerellosi, tricomoniasi, gonorrea, micoplasmosi.
      2. Il gruppo delle prostatiti non infettive comprende:
        • Prostatite congestizia (congestizia). È causato dalla congestione nella piccola pelvi. Eiaculazione incompleta, eccessi sessuali, astinenza prolungata, rapporti interrotti: tutto ciò contribuisce alla stasi venosa negli organi pelvici.
        • Prostatite sclerotica. È caratterizzato da una diminuzione delle dimensioni e delle funzioni della ghiandola prostatica, dalla compattazione dei suoi tessuti a seguito della morte delle cellule prostatiche con la loro sostituzione con tessuto sclerotico. Uno dei motivi per lo sviluppo di questa forma della malattia è la stitichezza frequente, l'assunzione di determinati farmaci e le infezioni multiple. Tale prostatite, sfortunatamente, non può essere curata.
        • Prostatite calcarea. Il risultato dello sviluppo della prostatite calcarea è la presenza di calcoli di fosfato e ossalato nella ghiandola. Raggiungendo una grande dimensione, causano un forte dolore all'uretra. Il metodo di trattamento consiste nello sciogliere le pietre formate.
        • Prostatite prostatopotica. Questa malattia causa dolore pelvico cronico, ma la sua eziologia non è completamente compresa. Si ritiene che possa essere innescato da un flusso inverso di secrezione, danni ai muscoli del perineo, patologia del collo vescicale e fattori psicologici.
        • Forme atipiche. Nella forma atipica, il paziente può lamentare dolore alle gambe, alla parte bassa della schiena e all'osso sacro, che è insolito per i sintomi caratteristici della prostatite. L'esito del trattamento dipende dalla durata della malattia, dall'attività dei processi infiammatori e dalla presenza di complicanze.

      Se non ti occupi del trattamento della prostatite, nella sua forma trascurata porta a una diminuzione della potenza, infertilità, depressione, dolore estenuante nel perineo e altre complicazioni.

      Perché la prostatite è pericolosa, le conseguenze della prostatite

      Le conseguenze dipendono dall'età, dallo stato del sistema immunitario, dalla presenza di cattive abitudini. Quindi nelle persone della fascia di età più avanzata, con un'immunità indebolita, con una storia di alcolismo, tossicodipendenza, sindrome da immunodeficienza acquisita, le conseguenze della malattia sono più gravi.

      • Influenza della prostatite sulla potenza.Una ghiandola danneggiata, con scompenso dell'attività funzionale, riduce la produzione di sostanze coinvolte nella formazione dell'erezione dell'organo genitale maschile. La conseguenza della prostatite è un rilascio lento di liquido seminale durante il rapporto, una diminuzione della pienezza delle sensazioni durante il rapporto, nelle forme avanzate di disfunzione erettile.
      • Influenza della prostatite sul concepimento. Una prostata danneggiata riduce drasticamente l'attività di produzione di una secrezione di alta qualità, necessaria per mantenere l'attività dello sperma nel canale del parto di una donna. Il segreto della ghiandola prostatica infiammata, penetrando nel canale del parto di una donna durante i rapporti sessuali, reagisce con il rigetto immunitario del corpo femminile, lo sviluppo di malattie ginecologiche e l'impossibilità del concepimento.
      • La prostatite provoca danni all'interno della ghiandola e del corpo. L'infiammazione complicata dalla microflora aumenta il rischio di ascesso prostatico. Formazione di ascessi: fusione purulenta di una parte del parenchima ghiandolare con formazione di una capsula attorno al fuoco. La malattia con la formazione di calcoli mineralizzati nella cavità è una conseguenza della prostata complicata dal reflusso della prostata danneggiata. La conseguenza della prostatite è anche: ischuria acuta, urolitiasi, insufficienza renale, infiammazione degli organi genito-urinari e altre malattie.

      È possibile avere rapporti sessuali con la prostatite

      È stato dimostrato che l'aritmia della vita intima è una delle cause dell'infiammazione della ghiandola. L'eiaculazione regolare con frequenza moderata ha un effetto positivo sulla patogenesi della prostatite con manifestazioni cliniche subcliniche e moderate di prostatite. Alcune manipolazioni terapeutiche e fasi della malattia comportano un divieto temporaneo del sesso. Per consigli dettagliati, consultare il proprio medico. Fai sesso con la prostatite, osserva la moderazione e la sicurezza della vita intima.

      La prostatite viene trasmessa sessualmente? La prostatite è una malattia puramente maschile che non ha un'origine virale, batterica e fungina specifica. Nel frattempo, l'infiammazione della prostata rappresenta un pericolo per la salute ginecologica. Lo sperma, contenente prodotti di infiammazione, che entra negli organi genitali femminili, sullo sfondo di una diminuzione delle barriere protettive del canale del parto, è una vera minaccia per il concepimento e il portamento del feto. Uno stile di vita sano, una contraccezione maschile affidabile è un modo semplice per proteggere i partner sessuali dai problemi reciproci.

      È possibile riprendersi dalla prostatite una volta per tutte

      La maggior parte di quegli uomini che si sono già sottoposti a cure per la prostatite più di una volta sono interessati a una domanda: è possibile sbarazzarsi di questa spiacevole malattia per sempre. Secondo gli esperti, l'efficacia del trattamento dipende in gran parte dalla presenza e dalla gravità delle conseguenze irreversibili che si sono verificate nella prostata. Questi possono essere cicatrici, pietre, calcificazioni.

      Per fermare l'ulteriore sviluppo del processo infiammatorio nelle prime fasi, solo una visita tempestiva da un medico può farlo. In questo caso, non si sviluppano complicazioni irreversibili nella prostata e c'è la possibilità di una cura completa. Quando si sono già formate aree di tessuto sclerotico: cicatrici, calcificazioni e piccole pietre che non possono essere eliminate in alcun modo, quindi, molto probabilmente, possono verificarsi infiammazioni ripetute. Questa è la prostatite cronica.

      Oltre al trattamento, un fattore importante per superare questo disturbo è anche la misura in cui il paziente è pronto a cambiare il suo precedente stile di vita: vita sessuale irregolare e seduta costante su una sedia. Se non vuole tali cambiamenti, allora con molta fiducia possiamo dire che presto il processo infiammatorio tornerà di nuovo. È con la riluttanza del paziente a escludere questi fattori negativi dalla sua vita che l'idea che la prostatite sia incurabile è collegata.

      Durata, regime di trattamento è determinato dal medico, sulla base dei risultati di studi fisici, di laboratorio e strumentali. I farmaci antibatterici sono al centro della terapia della prostatite. Viene mostrato l'uso di vitamine, procedure fisioterapiche, antinfiammatori, antidolorifici, antibiotici.

      Dieta per la prostatite

      Rispetto della dieta, uso di un determinato insieme di prodotti:

      • riduce il dolore,
      • migliora la microcircolazione del sangue e della linfa nei vasi della ghiandola,
      • rafforza le funzioni protettive del corpo,
      • normalizza la funzione intestinale,
      • riduce la produzione di urina notturna.

      Prodotti per la prostatite. Obsoleto:

      1. Caffè forte, piatti speziati: aumenta il flusso sanguigno alla ghiandola, stimola il dolore;
      2. Grasso, carne grassa, uova, farina - aumenta la deposizione di colesterolo sulle pareti dei capillari, riduce la microcircolazione del flusso sanguigno nella ghiandola;
      3. Bevande alcoliche: riducono l'immunità;
      4. Alimenti contenenti fibre grossolane, cibi salati e piccanti - modificano la motilità intestinale;
      5. Una grande quantità di liquidi (la sera), cibi salati e affumicati (durante la malattia): aumenta il volume del fluido, trattenilo nel corpo.

      Si consiglia di inserire nella dieta: insalate di verdure condite con olio di oliva, verdura e frutta coltivate nella regione di residenza, succhi naturali, noci, frutta secca, bollito magro. Un set di prodotti per la prostatite può essere controllato con un nutrizionista.

      Misure preventive

      La prevenzione si basa su regole semplici, è facile seguirle.

      • Fare lunghe passeggiate regolarmente (questo stile di camminata è il più fisiologico);
      • Mangia bene, conduci uno stile di vita sano;
      • Usa la contraccezione maschile.

      Per evitare lo sviluppo della prostatite e delle sue complicanze, è necessario contattare immediatamente un urologo per eventuali disturbi degli organi genitali. Inoltre, non è necessario attendere la comparsa di alcun sintomo, ma almeno una volta all'anno per consultare un medico. In un istituto medico, ti sottoporrai a un esame e saprai per certo che la tua salute nell'area genitale va bene.

      Non tardare a visitare un urologo e coloro che soffrono di stitichezza, abuso di alcol, cibi piccanti e affumicati, coloro che non sono attivamente coinvolti nello sport e che hanno una storia di malattie sessualmente trasmissibili. A causa dell'elevato rischio di malattia, tali persone dovrebbero sottoporsi a un esame obbligatorio, anche se non vi è alcuna indicazione per questo.

      Come sapete, agli uomini non piace andare dai medici e quando sono già insopportabili si scopre che la malattia ha preso un decorso cronico. Ma il corso del trattamento avrebbe potuto essere completato molto prima. Ora, con la prostatite cronica, ci vorranno almeno 1-2 mesi per essere curata.