Come identificare e riconoscere la prostatite: segni e sintomi

Come definire la prostatite? Questa domanda viene spesso posta ai medici. Secondo i medici, è possibile identificare il processo infiammatorio nella ghiandola prostatica solo durante un esame completo.

Per formulare una diagnosi vengono condotti interrogatori verbali ed esami fisici. Inoltre, il medico assegna al paziente studi strumentali e di laboratorio. Sulla base dei dati ottenuti, viene effettuata la diagnosi finale e vengono selezionate le tattiche di trattamento.

La prostatite può essere eliminata con farmaci o interventi chirurgici. La priorità è sempre la terapia farmacologica. Gli interventi chirurgici sono prescritti solo se si sviluppano ascessi, suppurazione o altre complicazioni della malattia.

Quali sono i sintomi della prostatite?

La prostatite è una malattia in cui la ghiandola prostatica si infiamma. In questo caso, l'organo può aumentare di dimensioni e gonfiarsi. Come risultato dello sviluppo di processi infiammatori, compaiono disturbi disurici, la qualità dello sperma diminuisce e si sviluppano disturbi sessuali.

Come identificare la prostatite negli uomini e distinguerla da altre patologie? Tutto è abbastanza semplice, perché questa malattia ha segni caratteristici. Ma, sfortunatamente, la malattia può essere asintomatica per molto tempo, quindi viene spesso diagnosticata in fasi successive.

Quindi, i seguenti sintomi sono inerenti alla prostatite:

  1. Disturbi disurici. La malattia può manifestarsi con frequente bisogno di urinare, minzione intermittente e persino ritenzione urinaria. Di notte, il paziente è tormentato da una falsa voglia di urinare. Dopo aver svuotato la vescica, potrebbe esserci una sensazione di svuotamento incompleto.
  2. Sensazioni dolorose. Con la prostatite, il perineo fa male. La gravità del sintomo aumenta durante la minzione e durante il contatto sessuale. Il dolore può irradiarsi ai testicoli, alla parte bassa della schiena e al pene.
  3. Costipazione. Osservato nella forma cronica di prostatite congestizia.
  4. Disfunzione sessuale. La potenza e la libido del paziente diminuiscono e si verifica l'eiaculazione precoce. Succede che un uomo, al contrario, abbia difficoltà a venire durante il sesso. La gravità dell'orgasmo con la prostatite diminuisce.
  5. Sangue o muco nelle urine. In questo caso, durante la minzione, può verificarsi un forte prurito nell'uretra. Questi sintomi si osservano nella forma batterica della malattia.
  6. Diminuzione dei parametri quantitativi e qualitativi dello sperma.
  7. Sensazione di nausea, brividi, febbre, debolezza generale, dolori muscolari. Questi segni sono caratteristici della prostatite batterica acuta.

Importante!Se compaiono i segni di cui sopra, contatti immediatamente un urologo.

Come viene eseguita la diagnosi?

Esame obiettivo e interrogatorio orale

opzioni diagnostiche per la prostatite

Diamo uno sguardo più da vicino alla domanda su come identificare la prostatite negli uomini. Il paziente dovrebbe prima vedere un urologo. Il medico deve studiare i dati della storia del paziente e identificare se l'uomo aveva prima malattie croniche del sistema genito-urinario.

Inizialmente viene eseguito un esame fisico della prostata. Il medico inserisce un dito nell'ano del paziente e controlla la ghiandola al tatto. Distinguere una prostata sana da una prostata malata è molto semplice. Se l'organo è infiammato, alla palpazione il medico nota che il pancreas è edematoso e ha una struttura eterogenea. In linea di principio, la prostatite può essere diagnosticata in questa fase.

Per ottenere un quadro clinico accurato, viene effettuato un interrogatorio orale. L'urologo chiarisce:

  • Qual è lo stile di vita del paziente.
  • Quanto tempo fa sono comparsi i sintomi della prostatite?
  • Hai mai avuto malattie infettive / virali prima?
  • A cosa è correlata l'attività lavorativa del paziente.
  • Il paziente ha subito un intervento chirurgico che ha comportato interventi sugli organi pelvici?

Importante!Inoltre, il medico può eseguire un esame fisico dello scroto. Il medico presta attenzione alle dimensioni dello scroto, alla sua forma e consistenza, nonché alla mobilità dei testicoli.

Diagnostica strumentale

diagnostica strumentale della prostatite

Per identificare la prostatite, è necessaria la diagnostica strumentale. La principale misura diagnostica è l'esame ecografico (ecografia) della ghiandola prostatica.

L'ecografia viene eseguita in diversi modi. L'organo può essere esaminato attraverso la parete addominale anteriore o utilizzando un sensore transrettale specializzato. Un quadro clinico più accurato può essere ottenuto utilizzando il trasduttore.

Oltre agli ultrasuoni, può essere prescritto:

  1. Uroflowmetry.
  2. MRI della prostata.
  3. TAC della prostata.

Importante!Se si sospetta un tumore benigno / maligno, può essere raccomandata una biopsia dell'organo ghiandolare.

Ricerca di laboratorio

diagnostica di laboratorio della prostatite

In caso di infiammazione della prostata, è imperativo superare una serie di test. La diagnostica di laboratorio consentirà di capire cosa ha innescato esattamente i processi patogeni nell'organo ghiandolare e se la prostatite ha una natura batterica / infettiva in questo caso.

Prima di tutto, ai pazienti viene prescritto un esame del sangue per il PSA - antigene prostatico specifico. Il test è necessario per scoprire se esiste una predisposizione all'IPB / cancro. Normalmente, il livello di PSA dovrebbe tendere a zero.

Oltre a un esame del sangue per il PSA, si raccomanda quanto segue:

  • Spermogramma.
  • Emocromo completo.
  • Analisi citologica, generale e batteriologica delle urine.
  • Prelevare un tampone dall'uretra.
  • Ricerca sulla secrezione del pancreas.
  • Ricerca con metodo PCR.

Importante!Sulla base dei dati ottenuti, il medico può fare la diagnosi finale e, di conseguenza, scegliere le tattiche di trattamento.

Come trattare la prostatite?

metodi di trattamento della prostatite negli uomini con farmaci

Come rilevare l'infiammazione della prostata è molto chiaro. Considera ora i metodi per trattare la prostatite. Quindi, come notato sopra, ci sono due modi per risolvere il problema: sottoporsi a un trattamento conservativo o chirurgico.

La chirurgia è prescritta se la prostatite è accompagnata da complicazioni come IPB, ascesso, ritenzione urinaria, anuria, calcoli nell'organo ghiandolare. Vengono utilizzate tre tecniche principali: prostatectomia, resezione della prostata e terapia laser.

Il trattamento conservativo è preferibile e utilizzato nella stragrande maggioranza dei casi. Fornisce:

  1. Condurre uno stile di vita sano. Il paziente deve capire che le cattive abitudini rallenteranno il processo di guarigione. Dovrai rinunciare a sigarette e alcol una volta per tutte.
  2. Nutrizione equilibrata. In caso di malattie urologiche, è imperativo aderire a una dieta. Si consiglia di rimuovere dalla dieta cibi grassi, semilavorati, fast food, cibi fritti. Sono vietate anche le bevande gassate, poiché provocano irritazione intestinale, che non è utile per la prostatite.
  3. Trattamenti fisioterapici. Puoi sbarazzarti dei processi infiammatori attraverso l'agopuntura, la moxibustione, l'elettroforesi, l'UHT, il massaggio thailandese. Anche il massaggio prostatico è molto utile.
  4. Evitare l'ipotermia in quanto è la causa principale della prostatite congestizia.
  5. Prendendo alcuni farmaci per la prostatite. Vengono prescritti antibiotici, peptidi bioregolatori, alfa-1-bloccanti, FANS, antispastici e fitopreparati.
  6. Avere una vita sessuale appagante (se possibile). Se un uomo si astiene dal sesso, potrebbe contrarre di nuovo la prostatite dopo aver subito la terapia. L'attività sessuale con infiammazione del pancreas sarà utile. La cosa principale è usare la contraccezione a barriera.

In alternativa, i pazienti possono utilizzare metodi di trattamento tradizionali. Ma devi ricordare che non sono altro che un'aggiunta. Con l'infiammazione del pancreas, il decotto di pioppo tremulo, lo sbiten al miele, i microclitteri con la camomilla sono utili.